Il mondo in “rosa” di Vetrya