Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

| 27 marzo 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Positive Technologies | Come proteggersi dalle vulnerabilità 0-day

ptsecurity
Albi Caffe
  • On 13 marzo 2017
  • http://www.viralcaffe.com/

In questi, si parla molto giorni delle vulnerabilità “0-day”, ossia quelle minacce informatiche che sfruttano vulnerabilità di applicazioni software che non sono ancora state divulgate e per cui non è ancora stata trovata una soluzione. Il pericolo concreto delle vulnerabilità 0-day è dato dal fatto che sfruttano falle di sicurezza per le quali non è al momento disponibile nessuna risoluzione.

L’argomento è tornato a balzare agli onori della cronaca grazie ad una nuova ricerca dello studio RAND, appena pubblicata, che ha esaminato e analizzato 200 vulnerabilità zero-day in alcuni software a livello mondiale, dimostrando che quasi il 40% di queste sono ancora sconosciute al pubblico e quindi pericolose. Non appena una vulnerabilità 0-day viene individuata, è necessario trovare una patch nel minor tempo possibile.

Positive Technologies ha così commentato i risultati dello studio RAND, sensibilizzando gli utenti a muoversi per tempo così non da non doversi preoccupare delle vulnerabilità 0 days:

“Il numero di vulnerabilità 0 day rivelate di per sé non dice nulla circa i livelli di rischio. Ogni giorno vengono scoperte nuove vulnerabilità 0-days a volte per motivi economici, a volte solo per divertimento. Ad esempio, in uno dei dibattiti sulla sicurezza tenuti durante i Positive Hack Days, in soli 2 giorni sono state trovate 10 vulnerabilità nei software dei Sistemi di Controllo Industriale (SCADA). Alcune di queste sono state già risolte, altre no, ma è quasi impossibile fare qualsiasi previsione a riguardo.

L’informazione più interessante riguarda come le vulnerabilità 0-day vengono gestite. Si tratta di un lavoro complicato e costoso. Per quanti sono preoccupati dell’impatto che queste vulnerabilità possono avere sulla sicurezza degli utenti, Positive Technologies dà una buona notizia: solo alcune di queste sono davvero di tipo 0-day. Nella maggior parte dei casi, invece, si tratta di vulnerabilità meno aggressive, economiche e ben note. Un’indagine di Positive Technologies relativa agli incidenti digitali nel 2016 ha rivelato che la maggior parte dei cyber-criminali utilizza metodi semplici ed economici per attaccare, compresi exploit pronti all’uso per vulnerabilità note. Come dire, prima di preoccuparsi che una folata di vento possa spalancare le porte, è necessario appurare che le porte siano chiuse a chiave! Il che significa che password troppo semplici, software obsoleti e l’apertura di qualsiasi mail che arriva nella propria posta elettronica possono essere i problemi principali.”

Submit a Comment

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien