Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

| 24 giugno 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Smau al Microsoft Forum | Digital Transformation e Open Innovation per valorizzare le competenze

Smau al Microsoft Forum | Digital Transformation e Open Innovation per valorizzare le competenze
Cristina Caffe

Anche quest’anno Smau,  nell’ambito della seconda edizione del Microsoft Forum all’interno del programma del Teatro “Empower your Employees”, ha organizzato una tavola rotonda dedicata ai temi dell’Open Innovation e della Trasformazione Digitale come strumenti di sviluppo del business delle imprese.

Un’occasione per confrontarsi su come le tecnologie digitali siano in grado di creare nuovi modelli lavorativi che valorizzano il talento delle persone, ottimizzando i tempi e garantendo efficienza e competitività.

Dopo il debutto dello scorso anno della formula dei Live Show, Smau è tornata al Forum per parlare di Digital Transformation e Open Innovation come leva di sviluppo delle imprese.  La sessione è stata preceduta dall’Opening Keynote di Evita Barra, Direttore Divisione Windows & Devices Microsoft Italia sul Digital Workplace Transformation.

Microsoft crede che il digitale debba metter al centro le persone, per permettere loro di fare di più, sia nel lavoro, che nella vita personale. La tecnologia dev’essere semplice, affidabile e sicura ed è da qui che siamo partiti per sviluppare Windows 10, il sistema operativo più sicuro di sempre,  potenziato dai dispositivi di ultima generazione con processori Intel. Con l’utilizzo crescente dei dispositivi mobili e con l’accesso da remoto alle informazioni, vera ricchezza aziendale, è importante riuscire a garantire la sicurezza che tutte le aziende richiedono ed al contempo offrire l’esperienza desiderata dagli utenti” ha anticipato Evita Barra.

Innovazione, formazione e sviluppo del talento e delle competenze interne, ma anche nuove modalità di collaborazione con l’ecosistema dell’innovazione e con i suoi protagonisti, questi i temi trattati nella sessione a cura di Smau, attraverso punti di vista differenti ma con un unico fil rouge: le tecnologie digitali come strumenti abilitanti lo sviluppo di questi nuovi modelli collaborativi che vedono le risorse interne delle imprese sempre più a contatto con idee, progetti e partner esterni che possono fornire un’iniezione di creatività, conoscenza ed innovazione.

Dopo l’introduzione di Pierantonio Macola, Presidente Smau, la tavola rotonda è stata coordinata da Eleonora Chioda, caporedattore di Millionaire e ha ospitato Andrea Toigo, Technical Sales Manager Intel Corporation, Anders Nilsson, Advisor on Innovation and Business Transformation to Corporations and Startups di GrowITup, Ruggero Frezza, Presidente M31,  Manuel Silva, Project Manager Open Innovation Electrolux Group, Antonella Alberti, Chief Human Officer di Altea Federation Alterna.

Innovarsi per essere più competitivi sul mercato oggi è possibile sfruttando appieno le potenzialità del digitale, dei nuovi protagonisti dell’ecosistema dell’innovazione e di chi ha già sperimentato il cambiamento. Un’opportunità non solo per le grandi imprese che hanno risorse e budget da dedicare, ma anche per le medie e piccole realtà che possono contare su nuovi strumenti di lavoro in grado di garantire efficienza e competitività e partner esterni che possono supportarli nel processo di Trasformazione Digitale. Possiamo definire l’Open Innovation come una cellula staminale che, inserita all’interno di un sistema esistente, può provocare, se non rigettata, un meccanismo virtuoso di crescita e innovazione” ha affermato Pierantonio Macola, Presidente di Smau.

E proprio sulle tecnologie abilitanti interverrà Andrea Toigo di Intel il quale si focalizzerà su tutte quelle soluzioni che migliorano la vita dei dipendenti: Intel è un’azienda che da più di 20 anni offre ai propri dipendenti l’opportunità di telelavorare. Tutti i dipendenti sono stati dotati di computer portatili e connettività. Per tutti loro gli orari sono flessibili, non ci sono postazioni, il focus è sui risultati. I benefici per l’azienda e per i lavoratori sono molti tra cui un aumento della produttività e dell’efficienza per l’azienda e un miglior rapporto vita-privata e lavoro per i dipendenti. Per fare questo abbiamo sviluppato tecnologie. Il primo passo è stato il computer portatile. Nel 2003 siamo stati tra i primi promotori della tecnologia wi-fi. Poi la tecnologia si è evoluta: oggi abbiamo ultrabook, dispositivi due in uno a cui colleghiamo una serie di tecnologie che permettono di fare presentazioni, condividere documenti da remoto e molto altro.”

In rappresentanza del nuovo ecosistema dell’Innovazione sarà presente Anders Nilsson, Partner di growITup. growITup è la piattaforma creata da Cariplo Factory e Microsoft per stimolare l’incontro e l’open innovation tra startup e aziende. “Il principale obiettivo di growITup è promuovere l’innovazione e trattenere in Italia i migliori talenti. Per fare questo creiamo un ecosistema in grado di sostenere, da una parte, la crescita delle startup, e, dall’altra, di accelerare la trasformazione digitale delle grandi aziende che rappresentano l’eccellenza del Made in Italy nel mondo” afferma Anders Nilsson.  “A noi si rivolgono le corporation che hanno bisogno di innovazione. Selezioniamo le startup più promettenti e le prepariamo a un processo di confronto e collaborazione con le corporation. Le aiutiamo a sviluppare skills per parlare il linguaggio delle grandi aziende e a lavorare insieme su iniziative di reciproco valore.”

A queste parole sono seguite quelle di Ruggero Frezza, Presidente di M31, l’incubatore veneto di startup specializzate nel settore manifatturiero che fornirà dei consigli sulle modalità con cui i team interni alle imprese possono accogliere le innovazioni dall’esterno.L’Open Innovation è una enorme occasione per le imprese di tutte le dimensioni. Affinché questa opportunità si concretizzi bisogna diffondere una nuova cultura d’impresa, e nuove figure aziendali. In questo contesto gli incubatori hanno il ruolo di facilitatori dei rapporti tra ricerca e mercato, startup e aziende. Con M31 abbiamo dato il via ad un corso formativo per spiegare alle imprese gli effetti dirompenti dell’Industria 4.0, facendo proposte che possono andare oltre lo stato dell’arte – ad esempio, M31 studia e realizza i cyber-physical systems (CPS), sistemi informatici in grado di interagire continuamente con i sistemi fisici in cui operano. Oggi, e domani, competere vuol dire aprirsi all’innovazione che proviene dall’esterno delle proprie strutture. È un nuovo modello che va compreso direttamente a tutti i livelli dell’azienda, specialmente dal vertice ”

Tra le aziende che già da tempo hanno strutturato al proprio interno un team preposto ad accogliere e selezionare le innovazioni provenienti dall’esterno, Electrolux è tra i casi più significativi. L’azienda da 5 anni ha al proprio interno un team dedicato all’Open Innovation e Manuel Silva, Project Manager Open Innovation Electrolux Group, ha dichiarato che “Le competenze, le idee e i progetti provenienti dall’esterno fanno bene all’azienda. Electrolux vuole essere costantemente al passo con le evoluzioni del mercato e ha trovato nell’Open Innovation il modello ideale per sviluppare know how, conoscenze e nuovi prodotti innovativi che le permettono di avere un ruolo da protagonista a livello internazionale” 

Degli strumenti a disposizione delle imprese e delle proprie risorse interne per affrontare la trasformazione che stiamo vivendo se ne parlerà con Antonella Alberti, Chief Human Office di Altea Federation Alterna la quale ha affermato che “La trasformazione che stiamo vivendo, si sa, investe in egual modo sia il nostro privato e il concepire la società in cui viviamo, sia il nostro essere professionisti e, più in generale, il ‘fare impresa’. La sfida oggi pare essere quella di affrontare il cambiamento in velocità. Ecco perché i ruoli in azienda assumono multi-dimensioni, sono basati sull’attitudine ad auto-manutenersi attraverso esperienza e formazione, e sulla capacità adattativa rispetto al contesto. Ma anche i modelli organizzativi cambiano nella stessa direzione. Superando i limiti dell’organigramma, si riconfigurano rispetto ad uno scopo, esaltano la collaborazione, sfruttano la tecnologia per condividere al di là dei ‘confini’ e trovano metodo in approcci Agile”.

La seconda edizione del Microsoft Forum si pone l’obiettivo di mettere Imprenditori, business leader e istituzioni a confronto sulla trasformazione digitale che sta modificando il modo di lavorare, ma anche il nostro stile di vita e la nostra identità. L’evento è stato inaugurato con con una sessione plenaria che ha visto l’intervento di Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft Italia, che ha dichiarato come ” le nuove tecnologie intelligenti possono offrire una risposta alla necessità di produttività e di crescita delle nostre imprese, rivoluzionando il loro business e trasformando il modo in cui lavoriamo e viviamo. Il Piano Industria 4.0 intende proprio aiutare le aziende italiane a cogliere questa occasione per recuperare flessibilità e competitività ed in questo contesto i player ICT devono fare squadra con le istituzioni per promuovere una trasformazione digitale a tutto tondo. Proprio per questo, Microsoft è fortemente impegnata a creare insieme ai propri partner nuovi ecosistemi di collaborazione. Il nostro obiettivo è democratizzare l’intelligenza artificiale e crediamo che persone e macchine possano interagire in uno scenario di crescita in cui si delineeranno nuove opportunità.” 

Altra grande personalità intervenuta nel contesto della plenaria  Alec Ross, uno dei maggiori esperti americani per l’innovazione e autore del bestseller ‘The Industries of the Future’ in cui esplora le tendenze e gli sviluppi tecnologici ed economici che plasmeranno il futuro nei prossimi dieci anni.

Successivamente, nel corso del pomeriggio, hanno avuto luogo una serie di approfondimenti tematici sulle tecnologie e le soluzioni alla base della rivoluzione digitale e sui relativi impatti economici e organizzativi nei diversi settori industriali: Manufacturing, Retail e Largo Consumo, Servizi Finanziari e Assicurativi, Pubblica Amministrazione e Automotive. In particolare, nel teatro Empower your employees si è  di dispositivi e servizi che abilitano nella vita professionale di ogni giorno gli ideali dello Smart Working e del Digital Workstyle, un modello che si sta rapidamente affermando anche all’interno delle aziende italiane.

Al centro del Microsoft Forum era presente anche uno spazio espositivo per toccare con mano alcune implementazioni reali della tecnologia Microsoft e scoprire alcuni tra i progetti digitali più innovativi in grado di rivoluzionare non solo il mondo industriale, ma anche la società: aziende, startup e partner interpreti di storie di trasformazione digitale in ambito smart city, e-health, fashion e retail virtuale, sport 4.0, auto connesse e smart home.

Submit a Comment

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien